Energie rinnovabili. CNA: “Sventato il rischio esodati per gli installatori”

“Oggi 80 mila impiantisti italiani possono tirare un sospiro di sollievo. Il decreto legge in materia di efficienza energetica, varato venerdì scorso dal Consiglio dei Ministri, consente a tutti coloro che installano impianti nel settore delle energie rinnovabili di continuare a lavorare e di non finire tra gli esodati”. Questo è quanto dichiara Vincenzo Dottorini Presidente CNA Installazione e Impianti.
“Non è stato affatto facile – ha aggiunto Dottorini -. Solo la determinazione della CNA ha consentito questo importantissimo risultato. Avevamo tempi strettissimi, infatti, dal 1 agosto c’era il rischio che si creasse una situazione ad altissimo pericolo per il futuro stesso delle imprese. Era scattata una totale discriminazione verso i responsabili tecnici delle imprese impiantistiche che non avrebbero potuto farsi riconoscere pienamente l’altissima qualificazione professionale acquisita in anni di lavoro nel settore”.
“Il decreto del Governo – ha concluso il Presidente di CNA Installazione e Impianti – finalmente legittima questa qualificazione e consente anche a tutti i nostri installatori in possesso del titolo di studio della scuola dell’obbligo di continuare ad operare negli impianti per le energie rinnovabili”.