Montemurro (Cna): “Siamo contrari a reintrodurre l’anatocismo sotto qualunque forma”

20140530-200338.jpg

“Siamo fermamente contrari a reintrodurre nella legislazione italiana la produzione di interessi su interessi”. Questo è quanto dichiara Leo Montemurro Presidente Provinciale CNA Matera riprendendo l’intervento sullo stesso argomento del Presidente Nazionale Cna Daniele Vaccarino.

 

Ancora una volta, continua Montemurro, il Governo corre in soccorso delle Banche attraverso la Banca d’Italia che promuove la norma voluta dall’esecutivo guidato da Matteo Renzi per il ritorno dell’anatocismo; ricordo, aggiunge Montemurro,  che  il pagamento degli interessi sugli interessi è già stato cancellato dalla Corte costituzionale ma adesso reintegrato con il decreto Competitività.  Mi appello ai parlamentari lucani dal capogruppo alla camera Speranza al Vice Ministro Bubbico, agli Onorevoli Margiotta, Antezza, Latronico, Viceconte, Folino affinchè si adoperino per presentare gli emendamenti a questa nuova norma di favore per il sistema bancario, che si tenta di reintrodurre a pochi giorni dall’ultimo regalo fatto alle Banche relativamente alla obbligatorietà del POS per tutti i pagamenti superiori ai 30,00 euro.

Appare del tutto evidente, conclude Montemurro, che quest’ultimo balzello che rischia di pesare, se reintrodotto in maniera molto pesante sui già precari bilanci aziendali  e tale da determinare la chiusura di moltissime imprese oltre che aggravi per i consumatori, non sarebbe altro che una compensazione per l’aumento delle imposte generato dalla rivalutazione delle quote detenute dagli istituti di Credito in Bankitalia.