Professioni Beni Culturali – istituzioni elenchi nazionali

Professioni Beni Culturali – istituzioni elenchi nazionali

Sulla Gazzetta ufficiale n. 183 dell’8 agosto 2014 è stata pubblicata la legge 22 luglio 2014, n. 110 recante “Modifica al codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, in materia di professionisti dei beni culturali, e istituzione di elenchi nazionali dei suddetti professionisti.
Con le ultime modifiche nel decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, con l’articolo 1 della legge n. 110/2014, viene introdotto l’articolo 9-bis in materia di professionisti competenti ad eseguire interventi sui beni culturali e viene precisato che, fatte salve le competenze degli operatori delle professioni già regolamentate, gli interventi operativi di tutela, protezione e conservazione dei beni culturali nonché quelli relativi alla valorizzazione e alla fruizione dei beni stessi, di cui ai titoli I e II della parte seconda del codice, sono affidati alla responsabilità e all’attuazione, secondo le rispettive competenze, di: – archeologi,
– archivisti bibliotecari,
– demoetnoantropologi,
– antropologi fisici,
– restauratori di beni culturali e collaboratori restauratori di beni culturali,
– esperti di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali
– storici dell’arte,
in possesso di adeguata formazione ed esperienza professionale.
Con l’articolo 2 della legge n. 110/2014 viene precisato che sono istituiti presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo elenchi nazionali di archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, esperti di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali e storici dell’arte, in possesso dei requisiti individuati ai sensi del comma 2 dell’articolo 2 della legge stessa.
Gli elenchi non costituiscono sotto alcuna forma albo professionale e l’assenza dei professionisti dai medesimi elenchi non preclude in alcun modo la possibilità di esercitare la professione.
Per i restauratori di beni culturali e per i collaboratori restauratori di beni culturali resta fermo quanto disposto dall’articolo 182 del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni.
Ulteriori informazioni possono essere richieste presso le Sedi Cna.

20140917-181734-65854261.jpg