Sicurezza nei lavori elettrici, la nuova norma CEI 11-27

collegamenti elettrici

In vigore dal febbraio 2014 e più volte anticipata anche da CNA Unione Installazione Impianti, la nuova Norma Cei 11-27 rappresenta un passo importante per la sicurezza dei lavoratori.

Come noto, la norma CEI 11-27 rappresenta da più di un ventennio il esecuzione dei lavori elettrici, ossia, come recita la norma stessa, tutte quelle operazioni ed attività di lavoro sugli impianti elettrici, ad essi connesse e vicino ad essi”.

La fondamentale importanza di tale norma nel panorama normativo italiano in materia antinfortunistica è chiarita in modo inequivocabile dall’articolo 83 del D.Lgs. 81/2008, il cui oggetto sono i “Lavori in prossimità di parti attive”.

Dalle nuove figure professionali, URI, URL, RI, PL, alle metodiche di esecuzione anche nei lavori non elettrici, fino alle modifiche delle distanze DL e DV, la Norma CEI 11-27 illustra anche misure, prove e verifiche degli impianti con esemplificazione delle modalità esecutive di tali lavori.  , “La norma CEI 11-27, seppur specialistica nell’ambito elettrico, si occupa dei lavori dove si è assoggettati ai rischi di origine elettrica, indipendentemente dalla natura del lavoro da prendere in esame, ma qualificando il rischio in relazione alle distanze che si mantengono tra le persone (mezzi e attrezzi maneggiati, compresi) e le parti attive in tensione non protette degli impianti elettrici e delle linee elettriche”.

Per approfondire  su Vega Formazione clicca qui